nyckelharpa

viola d'amore a chiavi

Cenni di storia e iconografia
"Nyckelharpa" è una parola di origine svedese composta di due parti: "nyckel" che significa "chiave"o "tasto" e "harpa" la cui traduzione è più complessa, ma che in Svezia sta ad indicare diversi strumenti cordofoni. In italiano lo stesso strumento si chiama "viola a chiavi" (oppure "viola d'amore a chiavi, per le corde di risonanza) e in tedesco "schlüsselfiddel".
La viola a chiavi è per l'appunto un cordofono ad arco di origini molto antiche, parte dell'eredità dell'Europa medievale, imparentato probabilmente sia con la viella, che con la ghironda e diffuso in Italia a partire dal XIV secolo fino alla metà del XVI, ma sopravvissuto negli ultimi 3 secoli soltanto nella regione svedese delle Uppland, in Svezia.
Per una cronologia storica dettagliata con riferimenti iconografici e testuali rimando a un estratto dall'e-book di Cadence, 2012: "La Nyckelharpa e la sua storia"di Per-Ulf Allmo.
 
La rappresentazione più antica di questo strumento è un fregio facente parte di un bassorilievo del 1350, che si trova nella chiesa di Källunge, cittadina della  provincia del Gotland, che in epoca medievale, dopo le incursioni vichinghe era diventata uno dei centri commerciali più importanti del Baltico.
 
La rappresentazione italiana più antica invece è il noto affresco di Taddeo Di Bartolo (1408), nella cappella del Palazzo Pubblico di Siena, dove un angelo suona uno strumento molto simile a quello dei musicisti di Källunge, con quattro corde di melodia e senza corde di risonanza.
 
 

Troviamo diversi riferimenti testuali in trattati tedeschi dedicati alla musica come nel "Musica Instrumentalis" di Martin Agricola (nel 1529 e nel 1545) dove lo strumento è chiamato “schlüsselfidel” e nel trattato scritto da Michael Praetorius (1618, Sintagma Musicum - De Organographia).
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Molte altre rappresentazioni pittoriche, in Svezia e Danimarca, risalgono al 1460 (Skane), 1480 (Lyllsnd), 1511 (Helsingor), 1520 (Medelpad) e troviamo un gran numero di rappresentazioni nella regione dell’Uppland tra il 1468 e il 1520, mentre in Germania, a Hildesheim, troviamo anche un putto scolpito che risale al 1590 e che suona uno strumento molto simile a quello disegnato da Martin Agricola.
 
Purtroppo non sono rimasti nel tempo molti esemplari originali di strumenti antichi, la maggior parte sono datati solo da metà del 1600 in avanti.
La nyckelharpa trovata a Mora (Moraharpa) è datata 1526 è uno dei predecessori della moderna nyckelharpa ed ha una forma molto simile a quella rappresentata da Praetorius nel Sintagma Musicum.
 
Octaveharpa | bass nyckelharpa | viola a chiavi | schlüsselfiddel
Nyckelharpa | Martin Agricola | Musca Instumentalis
Nyckelharpa | angelo con viola a chiavi | Taddeo di Bartolo | Siena | Italia
Nyckelharpa | Michael Praetorius | Sintagma Musicum | De Organographia
Nyckelharpa | bassorilievo Källunge | Svezia
Rappresentazioni a confronto della viola a chiavi, da Martin Agricola e da Michael Praetorius
Angelo con nyckelharpa - particolare da affresco di Taddeo Di Bartolo, Siena - 1408.
Particolare da bassorilievo della chiesa di Källunge, Svezia - 1350 circa. 
Michael Praetorius, Sintagma Musicum - De Organographia, 1618.
Moraharpa | museo di Zorn
Morahapa nel museo di Zorn.
Nyckelharpa | Viola a chiavi | Italia
 
corso di nyckelharpa
docente: Francesco Chiarini
sede: Scuola comunale di musica "F. Sandi" di Feltre (BL)
indirizzo: via Mezzaterra n° 11, Palazzo Zasio
orario apertura segreteria:

lunedì 17.30 – 19.00
mercoledì 17.30 – 19.00
giovedì 17.30 – 19.00
venerdì 17.30 – 19.00 
sabato 10.30 - 12.30 
per qualunque informazione specifica sul corso di nyckelharpa contattatemi ai seguenti recapiti:
cellulare: 328 70 58 281
indirizzo email: chiarinifrancesco@gmail.com 
  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • YouTube Social  Icon
Didattica della nyckelharpa
Attualmente esiste in realtà una grande varietà di viole a chiavi che differiscono tra loro per caratteristiche quali: la forma e l'organizzazione delle tastiere (a 3 tastiere, a 4 tastiere, moraharpa, enkelharpa, kontrabasharpa, silverbasharpa), il numero di corde di melodia e di risonanza, la taglia (soprano, contralto, tenore, basso o octavharpa), l'accordatura (ad esempio ADGC: per quinte, oppure ACGC: accordatura svedese), inoltre non esiste un'unica modalità posturale che definisca come reggere lo strumento (postura tradizionale svedese con tracolla, postura seduta con e senza tracolla, posture che prendono il nome dagli esecutori che le hanno definite, come quella di Didier François) e persino gli archetti sono reperibili in diverse forme (barocca, moderna, medioevale).
Grazie alla modalità di articolazione delle note mediante tasti, che elimina il problema della ricerca dell'intonazione, e grazie anche alle 12 corde di risonanza che offrono un notevole aiuto nella produzione del bel suono, la nyckelharpa è uno strumento particolarmente comodo anche per i bambini, o per allievi al primissimo approccio con uno strumento musicale. 
Nel primo periodo del corso di viola a chiavi un allievo è ancora presumibilmente sprovvisto di un proprio strumento, verrà quindi prestata, nel corso della lezione, una nyckelharpa di taglia 3/4.
Il numero di generi musicali attualmente affrontabile con questi strumenti è praticamente illimitato, anche se certamente un insegnante proporrà innanzitutto di confrontarsi con i repertori storicamente più consoni alla viola d'amore a chiavi, come ad esempio la musica antica (in particolar modo medioevo, rinascimento e barocco), repertori popolari svedesi e continentali Europei ed anche parte della musica colta contemporanea scritta per strumenti ad arco come violino e viola.
Non si dispone invece di un'ampia letteratura didattica specificamente dedicata a questo strumento e ci si pone quindi il problema di formulare un percorso che possa accompagnare un allievo dai primissimi passi con la nyckelharpa fino agli studi più avanzati, per quanto mi riguarda non si può non attingere dal repertorio e dalla letteratura didattica per violino, viola e violoncello, anche se è probabile che, piuttosto che seguire un programma unico, un insegnante di viola a chiavi formulerà di volta in volta un percorso personalizzato basato specificamente sulle doti tecniche e sulle esigenze di ogni singolo allievo.
Ho aggiunto a questo sito una sezione di materiale didattico dedicata agli allievi (si accede con una password che verrà fornita a lezione), dove è disposta una selezione di metodi didattici per violino e nyckelharpa e dove è possibile scaricare delle partiture e delle trascrizioni da me redatte.
Nyckelharpa | viola d'amore a chiavi | Veneto
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now